Juego, set y partido

I due protagonisti di questa storia (foto Wikimedia Commons e Wikipedia)

Da quando il tennis, rimosso nel 1924, fece ritorno nel programma olimpico nel 1988, in pochi sono riusciti a vincere sia nel singolare che nel doppio. Tra le donne, è accaduto alle sorelle Williams, che nella loro carriera pazzesca hanno conquistato entrambe un oro individuale, e insieme tre ori in doppio. Sicuramente meno celebre è però il primo uomo ad aver centrato questa accoppiata: il cileno Nicolás Massú.*
Nato nel 1979 a Viña del Mar da papà palestinese e mamma ungherese, Massu amava presentarsi con cappellino e codino ed era soprannominato El Vampiro. Del resto, “succhiava le energie” degli avversari colpendo a tutta da fondo campo con inesauribile mix di pazienza e ottimismo. Per caratteristiche dava il meglio di sé sulla terra rossa, ma la più grande impresa della carriera la mise a segno sulla velocissima superficie dell’Olympic Park di Marousi – hinterland ateniese – ai Giochi del 2004. In coppia col connazionale Fernando Gonzalez, uno dei più forti tennisti cileni di sempre, vince la finale del doppio contro i tedeschi Kiefer e Schüttler (ma le vere imprese sono arrivate nei due turni precedenti, contro i fortissimi gemelli Bryan e i croati Ancic e Ljubicic). E meno di 24 ore dopo, trionfa pure nel singolare, al termine di una battaglia con l’americano Mardy Fish (punteggio: 6-3, 3-6, 2-6, 6-3, 6-4). Culmine di un percorso in cui El Vampiro ha avuto il merito di battere avversari di spessore come Gustavo Kuerten e Carlos Moya e di sfruttare appieno le premature eliminazioni di Federer, Berdych e Robredo.
Questo incredibile duplice successo, che permise a Massu di entrare temporaneamente tra i primi dieci del mondo, è stato particolarmente significativo per il suo Paese. Ad oggi, quelle del tennis di Atene sono le uniche medaglie d’oro del Cile nella storia delle Olimpiadi.**

Restando su un filo ispanofono-tennistico di prime volte olimpiche, ci piace ricordare quanto accaduto nel clamoroso torneo femminile di Rio 2016. Sul cemento brasiliano, Monica Puig ha messo in riga Hercog, Pavlyuchenkova, Muguruza (che due mesi prima aveva vinto il Roland Garros), Siegemund, Kvitova, e in finale Angelique Kerber. Da dove veniva questa sorprendente vincitrice? Da Portorico, Stato caraibico di circa 3 milioni di abitanti che nel giro di cinque anni potrebbe diventare la cinquantunesima stella degli Stati Uniti d’America. E che da quattro anni, grazie alla sua tennista di punta, può contemplare nel proprio medagliere olimpico anche il metallo più prezioso.
Essere il primo oro portoricano di sempre non ha però proiettato la Puig verso una carriera scintillante. Dopo l’Olimpo di Rio de Janeiro, infatti, gli infortuni e la depressione l’hanno fatta sprofondare al numero 90 del ranking WTA (appena alle spalle della nostra Camila Giorgi).
Ci auguriamo di cuore che la ripresa globale post-Covid possa coincidere con la ripresa personale della quasi 27enne Monica.

* Anche Rafa Nadal avrebbe poi vinto un oro sia in singolo che nel doppio, ma in due edizioni differenti: singolare a Pechino 2008, in coppia con Marc Lopez a Rio 2016
** Oltre a conseguire l’oro nel doppio insieme a Massu, Fernando Gonzalez ottenne il bronzo nel singolare, avendo la meglio nella finale 3°/4° posto sull’americano Taylor Dent con un memorabile 16-14 al terzo set. Se Gonzalez non avesse perso contro Fish in semifinale, ci sarebbe stata una finale tutta cilena contro il suo compagno di doppio… che Olimpiade per il Cile tennistico!

PS: mentre Massu coronava il suo sogno a cinque cerchi in quel di Atene, a poca distanza Igor Cassina vinceva la sua medaglia d’oro alla sbarra nella ginnastica…

Mister Giallo

1 commento su “Juego, set y partido”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...