Dopo 112 anni, il golf è tornato alle Olimpiadi

Entardecer_na_Reserva_de_MarapendiDopo 112 anni di assenza, nel 2016 il golf è tornato a far parte delle discipline olimpiche per la terza volta – le apparizioni precedenti furono a Parigi 1900 e St. Louis 1904, la prossima sarà a Tokyo 2020.
Un ritorno apparentemente sottotono, poiché molti big hanno disertato per paura del virus trasmesso dalla zanzara zika, ma non per questo meno affascinante per gli appassionati di questo sport – un ritorno che ha invece destato qualche perplessità tra chi non considera il golf come tale.
Lo stesso Rory McIlroy, il giocatore più forte al mondo e uno dei principali atleti disertori, prima dell’inizio dell’Olimpiade ha dichiarato che non avrebbe seguito la gare olimpiche di golf neanche in televisione, preferendo «l’atletica, il nuoto e i tuffi… Insomma, le cose che contano»(1).
Se quindi nel delineato clima di scetticismo generale la domanda “ma perché i rappresentanti di questo sport si sono battuti per farlo reintrodurre ai Giochi?” sorge abbastanza spontanea, abbastanza spontaneamente si trova anche la risposta: per ampliare il proprio pubblico e attrarre le nuove generazioni.

Un’Olimpiade rimane però un’Olimpiade, e l’assenza dei nomi più blasonati non ha quindi fatto desistere moltissimi atleti dal rispondere “presente” alla chiamata, nonostante i premi dei Giochi a livello monetario non siano cospicui come quelli dei Master e la presenza in Brasile non solo di zika, ma anche, sembrerebbe, di sicungunha – un insetto che, dicono da quelle parti, infesta le favelas vicine alla Reserva del Marapendi (nella foto in alto a sinistra), il parco su cui si sono disputate le gare, e che, sempre secondo gli abitanti del luogo, è decisamente più pericoloso della più celebre zanzara.
A rappresentare l’Italia nel torneo femminile c’erano Giulia Molinaro e Giulia Sergas, mentre nel torneo maschile hanno gareggiato Matteo Manassero e Nino Bertasio. In tutto, hanno partecipato 60 golfisti per torneo, 120 atleti in tutto, provenienti dalle più diverse nazioni. Nell’edizione di Parigi gli atleti presenti erano stati invece solo 17 tra donne e uomini, mentre l’edizione di St. Louis, interamente al maschile, aveva visto la partecipazione di 77 atleti – divisi tra torneo singolare e torneo a squadre – 74 statunitensi e 3 canadesi.

Questi i podi delle tre Olimpiadi:

Parigi 1900

Torneo femminile:

  • Margaret Abbott – Stati Uniti
  • Pauline Whittier – Stati Uniti
  • Daria Pratt – Stati Uniti

Torneo maschile:

  • Charles Sands – Stati Uniti
  • Walter Rutherford – Regno Unito
  • David Donaldson Robertson – Regno Unito

St. Louis 1904

Torneo singolare:

  • George Lyon – Canada
  • Chandler Egan – Stati Uniti
  • Burt McKinnie e Francis Newton – entrambi Stati Uniti

Torneo a squadre:

  • Stati Uniti – Western Golf Association
  • Stati Uniti – Trans-Mississippi Golf Association
  • Stati Uniti – United States Golf Association

Rio 2016

Torneo femminile:

  • Park In-bee – Corea del Sud
  • Lydia Ko – Nuova Zelanda
  • Feng Shanshan – Cina

Torneo maschile:

  • Justin Rose – Regno Unito
  • Henrik Stenson – Svezia
  • Matt Kuchar – Stati Uniti

L’atmosfera di Rio ha entusiasmato i golfisti italiani, che hanno deciso di alloggiare al villaggio olimpico insieme agli altri atleti, come si può notare dalle parole di Manassero: «è tutto molto divertente, dal fatto che si mangia assieme in mensa alla possibilità di incontrare atleti come Phelps. È diverso dalla nostra routine, ma è esaltante. Ovviamente dobbiamo rivoluzionare i nostri ritmi normali da tour, ma ne vale la pena».
Nino_Bertasio,_Dubai_2018Bertasio (nella foto) è invece tornato sulla scelta del CIO di reintrodurre il golf alle Olimpiadi: «ci vuole tempo, ma già in Giappone, dove esiste una tradizione fortissima, si vedranno i risultati di questa scelta che per me resta azzeccata»(2).

(1). internazionale.it
(2). corriere.it

Miss Blu

Le immagini sono tratte da commons.wikimedia.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...